IN PROSSIMITA’ DI PARTENZA IL GP NUVOLARI

IN ONORE DI TAZIO NUVOLATI

0
128
Visualizzazioni: 1

Ancora pochi giorni ed avrà luogo una meravigliosa competizione di regolarità dedicata alla autovetture storiche, il Gran Premio Tazio Nuvolari. Le gare automobilistiche più belle in assoluto sono nate nella zona di Brescia. Forse i motivi di tale primato per alcuni resta un mistero. Oggi cecheremo di fare un serio ragionamento e di svelarlo. I motivi di questa predilizione per la nostra zona in merito alle gare automobilistiche sono molteplici. Una delle motivazioni principali è la morfologia del territorio.

In effetti ricordiamo che il primo GP d’Italia, l’antenato dell’autodromo F1 di Monza sia nato nella brughiera di Montichiari. Anche la zona di Mantova si sarebbe rivelata particolarmente favorevole nell’ospitare la gare automobilistiche. E’ necessario anche tener presente che si parla degli anni 30/40, anni in cui le strade erano molto sconnesse e l’ automotive stava inziando un vero e proprio periodo di evoluzione. In questo caso il territorio della pianura Padana si sarebbe dimostrato particolarmente adatto per ospitare gare automobilistiche. Le lunghe e pianeggianti pianure, le pianeggianti zone di brughiera erano particolarmente adatte per correre in velocità e testare i veicoli, tuttavia il territorio bresciano possiede anche zone montuose che ben si prestano oggi per le gare in salita o gare miste. Un secondo motivo è da vedersi nella grandissima passione dei bresciani per la modernità, la tecnologia, la meccanica e la velocità. L’automobile è da sempre un vero e proprio mito per il bresciano. Il carburante che avrebbe incendiato la “benzina da sempre presente nelle vene dei bresciani”, la si potrebbe notare nel carattere industrioso di questa popolazione e nel conseguente benessere economico della zona. In effetti Brescia è oggi una delle città più industriose d’Italia oltre che appassionate di autoveicoli storici e grandi vetture moderne. Anche la zona di Mantova si sarebbe prestata in maniera ottimale per ospitare un’importante gara automobilistica data la medesima morfologia del territorio per la maggior parte pianeggiante. Parliamo di Brescia e di Mantova perchè fra le due zone padane esiste una certa ed importante sinergia. Come abbiamo sipegato in un articolo precedente, il Gran Premio Nuvolari sarebbe nato in seno alla bresciana 1000Miglia. L’evento fu pensato dai fondatori della “corsa più bella del mondo” per ricordare e quindi rendere omaggio all’amico Tazio Nuvolari, “mantovano d’oc”. Se la 1000Miglia è divenuta la più grande gara di velocità (fino al 1957) lo si deve anche ad alcuni piloti dal carattere molto particolare. Il primo di essi è senza ombra dubbio Tazio Nuvolari, un pilota in grado di trasformare una gara in uno spettacolo, un driver molto abile nel farsi amare dal pubblico. Per questa ragione Brescia e Mantova posseggono da sempre un carattere essenzialmente sinergico in questo campo. I punti di forza delle due zone padane sono da vedersi nel territorio pianeggiante e nella forte passione per l’automobilismo. Oggi il mio obbiettivo non è di dilungarmi sul più grande pilota di tutti i tempi Tazio Nuvolari, che abbiamo già descritto nell’articolo precedente. Il nostro obbiettivo, in questo articolo è descrivere il programma ed il percorso di questa gara ormai arrivata alla 33 esima edizione. Trentatre anni di Gran Premio Tazio Nuvolari. Vi sembra cosa da poco? Beh non lo è affatto. Ritengo questa gara per l’ampiezza del percorso una delle gare dedicate all’automobilismo storico maggiormente importanti. Una gara davvero spettacolare ed impegnativa che si snoda su circa 1000KM di tracciato che dal 15 al 17 settembre toccherà l’Emila Romagna, patria di grandissimi piloti e motociclisti dal “sangue bollente”, la Toscana e l’Umbria su un percorso per lo più fisso. Un tracciato di gara davvero spettacolare che avrà come base di partenza e di ritorno la città dei Gonzaga. Come base intermedia Mantova Corse organizzatrice l’evento ha scelto Rimini. Il percorso di gara è differente dal percorso della 1000Miglia che storicamente vede la partenza a Brescia, l’arrivo a Roma ed il ritorno a Brescia in un tracciato mobile e susseguente oltre che in continua mutazione. Per il GP Nuvolari la partenza è storicamente Mantova con arrivo a Rimini, base intermedia, a conclusione della prima tappa. La seconda giornata di gara vedrà la partenza da Rimini a Siena con ritorno a Rimini. Rimini sarà ancora protagonista nella partenza della terza tappa quando le vetture rientreranno a Mantova per concludere il giro passando però dalla parte opposta.

Come potrete notare dal tracciato del percorso (vedi foto), la prima giornata di gara vedrà le vetture partire da Mantova in direzione dell’autodromo di Modena, per poi proseguire verso l’autodromo di Imola. In seguito passando per Predappio e sant’Arcangelo i partecipanti concluderanno la prima tappa sempre a Rimini. Seconda tappa: Rimini ospiterà le vetture che proseguiranno in direzione Arezzo e quindi a Siena, passando per i paesi più piccoli ma meravigliosi della zona fra Umbria, Toscana ed Emilia, il GP Nuvolari toccherà il territorio straniero della Repubblica di San Marino concludendo la seconda tappa a Rimini. Il terzo giorno di gara, da Rimini le vetture faranno rientro a Mantova passando però da Ferrara quindi dall’altro lato del percorso, opposto al tracciato della prima giornata di gara. Ci sono molte particolarità che sono determinanti per rendere unica una gara automobilistica pur se di regolarità. Uno dei particolari importanti sono le difficoltà offerte dal tracciato oltre che il numero delle rilevazioni, delle prove tecniche e sportive, che anche in questo percorso non sono poca cosa, per il fatto che la gara si snodi fra pianure e zone montuose, talvolta tratti stradali sterrati, come è stato per lo scorso anno. Il secondo particolare determinante che rende la gara importante è a mia opinione la bellezza delle località che la ospitano. A dire il vero l’Italia è un paese totalemente meraviglioso, un vero e proprio museo a cielo aperto, tuttavia esistono regioni dal misterioso fascino e dalla natura spettacolare. Il Gp Nuvolari devo ammettere che per 1000Km transiti in zone davvero stupende. Che la competizione sia una gara impegnativa lo si nota anche dal fatto di essere sempre partecipata da parecchi grandi nomi della regolarità. I Top driver che si impegnano per vincere questa gara appartenente alla prestigiosa “rosa dei grandi eventi” non sono pochi.

Spesso notiamo nomi di punta conosciutissimi nell’ambiente delle corse, piloti abituati a vincere come Aliverti, Di Pietra, Vesco  (clicca quì)  ma anche tanti altri conosciuti piloti che si impegnano con vera e grande passione per arrivare al traguardo con una precisione cronometrica ed una competitività senza paragoni. Dopo anni di impegno nel campo delle gare storiche come team press devo ammettere che valutando molti particolari, il GP Tazio Nuvolari sia riuscito ad attestarsi fra le più affascinanti gare italiane dedicate al segmento storico.

Per informazione sul GP Nuvolari 33 esima edizione clicca quì

Visualizzazioni: 1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here