WINTER MARATHON 2024: FASCINO FRA LE NEVI

0
116
Visualizzazioni: 2

Siamo ormai vicini alla partenza della Winter Marathon. Già perchè circa due mesi dallo svolgimento di una gara di regolarità significa essere in dirittura di arrivo. Gli organizzatori staranno certamente ultimando gli ultimi dettagli per poter offrire una Winter Marathon davvero magnifica anche per il prossimo 2024. La gara aprirà l’anno delle competizioni di regolarità italiane. Potremmo definire con assoluta certezza essere, la Winter Marathon, la competizione di regolarità classica invernale più longeva in assoluto con i propri 36 anni di storia a partire dalla nascita nel 1989. Come da tradizione ad ospitare la gara sarà l’ambita località trentina Madonna di Campiglio, una zona davvero particolare nella magnificenza delle montagne, oltre che una delle località più “gettonate” dagli amanti degli sport invernali.

La Winter Marathon 2024 avrà luogo pertanto a Madonna di Campiglio dal 18 al 21 gennaio 2024, oltrettutto a quanto sembra la neve promette davvero bene. In genere la gara si svolge su un percorso che non viene stravolto ogni anno come ad esempio la 1000Miglia, al cui percorso non vengono apportate modifiche per variare il tracciato e variare le difficoltà dei piloti. La Winter Marathon, non è una gara assolutamente facile anche per il fatto che si svolge di notte fra neve, ghiaccio e temperature al limite. Potremmo affermare che questa sia una vera e propria difficile gara. La componente agonistica che la Winter Marathon offre non è da poco conto, per questo ogni anno partecipano agguerriti top driver. Per il 2024 suddiviso in due tappe, si prevedono alcune novità per quanto riguarda il tracciato di gara che verrà arricchito da passaggi nuovi e prove nuove. La prima tappa avverrà il 18 gennaio dopo le verifiche tecniche, la seconda tappa il giorno successivo in cui le autovetture attraverseranno sempre di notte, le magnifiche ed insidiose strade dolomitiche. Il 20 gennaio, ultimo giorno di gara: nel pomeriggio si svolgerà la tradizionale prova automobilistica sul lago ghiacciato di Madonna di Campiglio. Questa sarà la sola prova illuminata dalla luce del sole. lo stesso giorno si svolgerà la cena (in quota) e le premiazioni. Il 21 gennaio i partecipanti partiranno per il rientro a casa.

Regolamento di gara

Una nota importante le dedicherei al regolamento di gara. Conoscere il regolamento di gara si ha la possibilità di apire più a fondo la Winter Marathon. Partirei dal fatto che anche in questa gara di regolarità è inserito il coefficente. Dopotutto alla Winter Marathon partecipano autovetture datate e meno datate quindi per renderla equa il coefficente è il solo sistema a poter equilibrare le gara ed i risultati. Le autovetture che parteciperanno alla gara non saranno solamente vetture moto antiche come ad esempio quelle anteguerra. Contrariamente alla 1000Miglia che ammette in gara solamente autovetture costruite negli anni della 1000Miglia di velocità (dal 1937 al 1957) che hanno partecipato alla gara in quegli anni passati, alla Winter Marathon potranno partecipare anche vetture di differenti età. L’edizione 2024 sarà estesa anche ad una serie di vetture meno datate. Alla gara potranno partecipare le automobili contruite fino al 1968 ma anche una speciale selezione di modelli di interesse storico particolare realizzati fino al 1976. Tuttavia a posteriori dell’esperienza molto positiva delle ultime edizioni sarà mantenuta la possibilità di iscrizione anche alle autovetture prodotte dal 1977 al 1990. Queste ultime saranno inserite in una lista speciale fuori classifica.

Dal punto di vista burocratico, trattandosi di una vera e propria gara, le vetture per poter partecipare dovranno attenersi a degli adempimenti particolari come ad esempio essere munite di almeno uno dei documenti sportivi in corso di validità (vedi elenco sottostante)

• Fiche ACI regolarità auto storiche (*)
• HTP FIA (Historic Technical Passport FIA)
• HTP ACI (Historic Technical Passport ACI)
• Certificato d’iscrizione al Registro Club ACI Storico
• Certificato di omologazione o d’identità ASI (Targa Oro)
• Certificato d’iscrizione al Registro Storico Nazionale AAVS
• Lasciapassare regolarità auto storiche FIA
• Carta d’identità FIVA

Per quanto riguarda eventuali ammissioni di autovetture prive di tali documenti sportivi, le penalità acquisite in gara saranno moltiplicate per un coefficiente 3,00 come prevede il regolamento (RDS Auto Storiche 2023 – Art. 6.1). Questo per quanto riguarda le autovetture italiane. Per le autovetture di immatricolazione estera che non siano in possesso dei documenti in elenco, ci sarà la possibilità di essere ammessi con una dichiarazione di conformità alle norme sportive. La dichiarazione dovrà essere rilasciata dagli stessi concorrentie consegnata agli organizzatori che la controfirmeranno come prevede il regolamento (RDS Autostoriche 2023 – Art. 6.1).

Iscrizioni

Le iscrizioni potranno essere effettuate entro il 22 dicembre 2023. In questo caso è necessario seguire le istruzioni sul sito sulla sezione 2024 (clicca quì). L’iscrizione dovrà essere inoltrata telematicamente assieme al versamento di una tassa di Euro 2900, un pacchetto che comprende le spese per la parte sportiva, e l’ospitalità per due persone in camera doppia dal 18 al 21 gennaio. Sul portale della Winter Marathon sono previste alcune soluzioni per accontentare le richieste dei partecipanti.

Quota di partecipazione e pagamento

Per coloro che leggendo queto articolo e desiderassero iscriversi la tassa d’iscrizione, oltre agli eventuali servizi aggiuntivi, dovrà essere versata con una delle seguenti modalità:
• tramite assegno non trasferibile intestato e spedito a VECARS s.n.c.
• tramite bonifico intestato a VECARS S.n.c. – IBAN: IT25J0538754540000042743115 – SWIFT/BIC: BPMOIT22XXX

Il 2023

Ricordiamo che l’edizione della Winter Marathon 2023 è stata vinta da una coppia di esperti driver: Guido Barcella ed Ombretta Ghidotti, equipaggio bergamasco che ha partecipato con la propria Fiat 508 C della Scuderia 0 – 30 Corse. L’equipaggio contrassegnato con il numero 12 Barcella – Ghidotti è partito in settima posizione nella tappa di giovedì sera ma ha saputo offrire il meglio di se la sera successiva riuscendo quindi a conquistare il podio della Winter Marahon 2023. Ricordiamo che il medesimo equipaggio ha ottenuto con grande impegno un primo successo anche nel 2019. Al secondo posto sul podio della Winter Marathon 2023 Fabio e Marco Salvinelli sempre su Fiat 508 C del 1938 contraddistinta con il numero 10 ancora una volta sul podio dopo il terzo posto del 2021, superando la propria media di vittorie. Terzo posto per Lorenzo Turelli su Lancia Aprilia del 1937 (Scuderia Brescia Corse) contraddistinta con ul numero 7. Quest’ultimo equipaggio vince il terzo posto sul podio della Winter Marathon per la prima volta. La 36 esima edizione del 2024 sarà una partita tutta da giocare. Vedremo se i vincitori del 2023 riusciranno ancora a superare le proprie vittorie rimontando o mantenendo il proprio posto sul prestigioso podio della Winter Marathon 2024 oppure, se cederanno il testimone ad altri driver emergenti che ogni anno si specializzano sempre di più per vincere le gare di regolarità a bordo delle proprie meravigliose vetture. Il mondo è dei giovani ed i giovani saranno quelli che potranno mantenere in vita queste meravigliose tradizioni automobilistiche bresciane. Per questo incentiviamo i giovani possessori di veicoli d’epoca a cimentarsi in queste stupende gare. Non è affatto vero che per partecipare alle gare di regolarità (eccetto alcuni csi) si debba per forza essere stra ricchi. E’ sufficente tanta passione per l’automobilismo e tanta voglia di mettersi in gioco. Come vedete la tassa di partecipazione non è proibitiva se si considera che prevede Hotel, pranzi, sezione sportiva in una località non certo mediocre. La Winter Marathon dopotutto è una gara molto combattiva che poco ha a che vedere con le “passerelle” per auto di altri tempi. Credo che coloro che vincessero quasto tipo di gara possano avere le “carte in regola” per avventurarsi verso la vittoria anche nelle numerose gare di regolarità che vengono organizzate nella nostra nazione. Il 2023 è stata una gara davvero difficile per la grande nevicata del giorno precedente, in modo particolare sugli alti passi dolomitici più affascinanti del nord Italia come il passo Pordoi ed il Gardena.

Una temperatura limite di – 12 gradi sul Pordoi ha messo a dura prova le autovetture partecipanti. Ricordo che l’anno precedente il termometro della mia BMW al seguito della gara sul Pordoi ha toccato i -18C°. La grande soddisfazione dei partecipanti del 2023 ha galvanizzato tanto l’organizzazione da inserire nuove prove e nuove difficoltà per la prossima 36 esima edizione. Dopotutto in una gara del genere anche il tempo deve fare la propria parte. In questo caso le basse temperature ma soprattutto la neve, sono l’alleato migliore per lo svolgimento della gara. Tutte le prove sono state portate a termine nonostante il clima non certo mite. Solamente un paio di rilevazioni hanno subito l’annullamento per un guasto ad un’apparecchiatura di cronometraggio. Fra gli equipaggi stranieri 2022 abbiamo assistito al primo posto degli inglesi Massimo ed Edoardo Ottochian con Austin Mini Cooper S MK I del 1960. Spicca Franciacorta Motori che ha preceduto Brescia Corse e 0 – 30 Squadra Corse. Per quanto riguarda gli equipaggi under 30 spicca Barcella – Vecchi ottavi assoluti su Porche 356 C Coupè del 1963. Primo equipaggio femminile ricordiamo Emanuela Cinelli e Loretta Stofler su Innocenti Cooper MK I del 1969. Per quanto riguarda la graduatoria delle prove di media Pighi – Calligari su Posche 356 B Roadster del 1961 contraddistinto dal numero 28.

Una sfida particolare

Curiosa una sfida nella sfida fra due amici, commentatori di SKY SPORT, Davide Valsecchi e Guido Meda. A vincere è stato Davide Valsecchi con il navigatore Gabriele Ricco su Lancia Fulvia Cupà Rally 1.3 HF del 1968, cinquantaseiesimo assoluto battendo il collega Guido Meda che invece ha chiuso al 86° posto su Alfa Romeo 1750 del 1970. Queste sfide fra amici sono molto affascinanti in quento riportano ai tempi passati quando lo sport era vissuto diversamente da oggi, quando piloti da sempre amici si sfidavano nelle varie gare, allora di velocità, divenendo magari solamente in quel momento concorrenti temibili per poi magari ritrovarsi, a fine gara in qualche taverna per brindare e consumare una cena. Per concludere direi che la Winter Marathon sia una gara assolutamente da non perdere, moklto apprezzata per la sua tipicità e destinata agli amanti dell’automobilismo al limite, dello sport e della montagna.

Foto di Pierpaolo Romano

Visualizzazioni: 2

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here